«An Orientalizing fad of the Sienese»: Reading Arabic Pseudo-Inscriptions from the mid-19th to the mid-20th century
PDF (English)

Parole chiave

Storiografia
Ornamento
Pseudo-iscrizioni arabe
Pseudo-cufico
Arte romanica
Pittura italiana
Gotico internazionale

Come citare

Flitti, S. (2023). «An Orientalizing fad of the Sienese»: Reading Arabic Pseudo-Inscriptions from the mid-19th to the mid-20th century. Finxit. Dialoghi Tra Arte E Scrittura Dal Medioevo all’Età Moderna, 2, 133–160. Recuperato da https://www.finxit.it/index.php/finxit/article/view/16

Abstract

Questo contributo passa in rassegna gli studi sulle pseudo-iscrizioni arabe tra la metà del XIX e la metà del XX secolo. Il metodo formalista, basato sull’utilizzo di disegni in bianco e nero per illustrare le caratteristiche degli ornamenti, ha spesso portato a trascurare il significato, gli effetti visivi, e le proprietà tecniche dei motivi. Attraverso esempi specifici, l’articolo tenta di spiegare l'uso dei termini «cufico» e «pseudo-cufico» per designare un’ampia varietà di segni grafici. L’attenzione particolare rivolta all’arte romanica nei primi studi potrebbe essere in parte responsabile dell’applicazione della parola «cufico» a esempi posteriori ispirati alle scritture corsive. L’ampio utilizzo del termine «pseudo-cufico» e il paradigma dell’«influenza orientale» rispondevano così alla difficoltà di denominare e spiegare la presenza di lettere arabe nell’arte cristiana, sottovalutando però la storicità dell’ornamento e degli stili grafici.

PDF (English)
Creative Commons License

Questo lavoro è fornito con la licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Copyright (c) 2023 Sarah Flitti