«Ma seconde prétention»: la storia dell’incisione secondo Florent Le Comte
PDF

Parole chiave

Florent Le Comte
André Félibien
Pierre Monier
Pierre Daret
Incisione

Come citare

Battagliotti, L. (2023). «Ma seconde prétention»: la storia dell’incisione secondo Florent Le Comte. Finxit. Dialoghi Tra Arte E Scrittura Dal Medioevo all’Età Moderna, 2, 109–132. Recuperato da https://www.finxit.it/index.php/finxit/article/view/15

Abstract

L’articolo si propone di indagare gli elementi di novità nella storia dell’arte incisoria narrata da Florent Le Comte all’interno del suo Cabinet des singularitez (Parigi 1699-1700; Bruxelles 1702). Ponendosi alla fine di un secolo che aveva visto proliferare il ricorso alla letteratura artistica in lingua italiana, l’autore si affida alle varie traduzioni della vasariana Vita di Marcantonio Bolognese confluite all’interno delle opere di André Félibien, Pierre Monier e Pierre Daret: si esamineranno dunque i criteri secondo i quali ciascun autore, mosso da specifiche esigenze teoriche, ha tradotto e integrato il testo vasariano; quindi si evidenzieranno e contestualizzeranno gli apporti originali di Le Comte rispetto agli antecedenti francesi.

PDF
Creative Commons License

Questo lavoro è fornito con la licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Copyright (c) 2023 Lisa Battagliotti